sogno

74.

Sta notte ho fatto un sogno pazzesco.
Devo premettere che a cena avevamo preparato pollo al curry e siccome è venerdì e bisogna festeggiare, non vuoi mangiare un po’ di brie e salame per fare un po’ di aperitivo con un bicchiere di vino? E concediamoci qualche lusso casalingo ogni tanto!
Ad ogni modo, ho sognato due cose:
  • Che mi aveva punto un’ape gigante su un ginocchio
  • Che avevo scritto la miglior recensione di sempre, di un libro di cui ignoro completamente il titolo, in inglese! Ovviamente ampiamente acclamata dalla critica e da tutti i social network.

sogno

Su LinkedIn (perché mai?!) facevo addirittura una lunga spiegazione ad una tizia con la foto profilo uguale alla prof. Fullin di Zelig con una dissertazione degna della Coscienza di Zeno.

Non ricordo se le due parti del sogno sono consequenziali: mi ha punto un ape quindi ho scritto una recensione favolosa?

Da dove arriva il sogno

L’ape, devo averla presa in prestito da Lo Hobbit, ma la recensione, continuo a pensare, di chi poteva essere?
Prima di andare a dormire, come ogni sera prima di spegnere la luce, ci concediamo un po’ di lettura, ogni tanto un libro comune, ma la maggior parte delle volte ognuno legge il suo. In questo caso:
Ora, io capisco che Virginia Woolf e il pollo al curry sono un pessimo accostamento, anche perché ho letto un pensiero credo di 2000 parole senza un punto in cui alla fine mi sembrava di aver intuito che la donna delle pulizie amasse la padrona di casa, che ha una figlia che è una suora laica, o forse la figlia è una suora laica perchè influenzata dalla governante che ama segretamente la domestica. O forse la domestica non è neanche citata. Mmm?! Mi sa che domani lo rileggo.

Apro parentesi

Su questo libro ho uno strano presentimento: mi sembra uno di quei volumi scritti da un genio con frasi meravigliose, accostamenti perfetti ma di cui non capisco niente, un po’ per me, effetto Baricco.

chiudo parentesi

Il risveglio dalla visone

Alle 3:06 di notte mi sono svegliata con la chiara risposta che il libro della recensione miracolosa era di Daniele Silvestri, che per quanto ne so non ha mai scritto un libro in vita sua.
Da questo evento fenomenale, perchè il sogno ha del fenomeno, posso desumete almeno 4 cose:
  1. Se non mi accade qualcosa di inaspettato, non riuscirò mai ad avere un blog di successo.
  2. Probabilmente se non mi punge un ape non imparerò mai l’inglese.
  3. Per imparare l’inglese mi serve una terapia d’urto.
  4. Forse il venerdì il brie potrebbe risultare un po’ pesante da digerire.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi